Antica Farmacia di San Salvatore
prodotti naturali per la cura del corpo realizzati a partire dalle ricette ritrovate nei prontuari del convento di San Salvatore a Gerusalemme


La farmacia di San Salvatore

a Gerusalemme

 

I frati minori francescani, giunti in Terra Santa nel 1217, già nel 1335, grazie alla generosità del re di Napoli Roberto d’Angiò e della moglie Sancia, si stabiliscono sul Monte Sion a Gerusalemme, presso il Cenacolo, dove rimangono fino al 1551. Cacciati da quella sede, nel 1559 si trasferiscono nel convento el-Amoud che hanno comprato dai religiosi georgiani, a cui danno il nome di San Salvatore.

Intanto, già nel 1342, papa Clemente VI li ha confermati custodi ufficiali dei Luoghi santi in nome della Chiesa cattolica.

Pochi anni dopo l’insediamento sul Monte Sion, nel 1353, le notizie parlano di un «frate infermiere» incaricato di curare i malati. Espliciti riferimenti alla presenza di un farmacista francescano li troviamo nelle cronache del 1583, mentre nel 1598 un viaggiatore racconta di essere stato curato da un religioso medico.

Gli annali della Custodia conservano i nomi di molti religiosi medici o infermieri che hanno svolto la loro attività nella spezieria di Gerusalemme. Molti di loro avevano studiato in Europa nelle scuole francescane, mentre altri erano diventati dottori prima di consacrarsi.

Sembra che i malati fossero curati indipendentemente dalla fede professata: al servizio medico potevano accedere tutti i pellegrini di passaggio, musulmani, cattolici, greci, armeni o provenienti da altri paesi non meglio precisati.

Medicamenti e strumenti di lavoro

Nella farmacia i frati conservano gli ingredienti e i rimedi provenienti dai paesi europei sostenitori di quei luoghi sacri per il cristianesimo. Padre Horn fornisce una descrizione molto eloquente dell’ambiente: «La farmacia di Gerusalemme è una delle migliori di tutta la Cristianità. L’apoteca è sufficientemente fornita di ogni qualità di medicamenti, acquistati con le elemosine dei benefattori della Terra Santa e particolarmente di quelle della Serenissima Repubblica di Venezia, per poter curare e ristabilire i malati; infatti quelli che vi entrano possono vedere e ispezionare su tutti i lati i minerali conservati in ceste e casse di legno, frutta, ossa, confezioni, gessi avvolti in una vescicola o carta cerata; sali, vapori, resine, grassi, midolli e unguenti conservati in vasi di vetro; aceto, acqua distillata, vini e sciroppi, e altri succhi ed estratti di distillati…».

Il frate prosegue illustrando un doppio laboratorio al riparo dalla luce del sole in cui si trovano «strumenti farmaceutici di varia specie», fornaci, forni e distillatori per operazioni che devono essere eseguite con il fuoco, ma in un luogo sicuro e controllato.

Il lavoro della farmacia prosegue ininterrotto fino alla fine dell’Ottocento, quando cessa di essere l’unica «spezieria» presente a Gerusalemme.

Ma non va dispersa la sapienza accumulata in secoli di esperienza, studio e sperimentazioni. Un patrimonio di conoscenza che è entrato in gran parte nel volume La farmacia di Dio e che continua a vivere oggi attraverso il marchio Antica Farmacia di San Salvatore, che propone prodotti naturali e preparati di vario genere realizzati a partire dalle ricette ritrovate nei prontuari del convento di San Salvatore a Gerusalemme.

 

NB:  I prodotti in vendita con il marchio depositato Antica Farmacia di San Salvatore sono prodotti su commissione di Fondazione Terra Sana in Italia secondo le vigenti leggi.

La lavorazione del “SAPONE DI ALEPPO” essendo artigianale, completamente naturale e con materie prime vegetali (senza aggiunta di sostanze sintetiche), dà origine a un sapone di forma, colore e consistenza irregolare e pertanto variabile con i lotti di produzione. Il calo di peso eventuale avviene per la perdita d’acqua e non può essere standardizzato.

Bagnodoccia con olio di Argan – Antica Farmacia

Contiene olio di Argan. Indicato ad ogni tipo di pelle, anche le più delicate. Flacone in PET riciclato, con tappo disk top.

Sapone liquido di Aleppo 400 gr – Antica Farmacia

Sapone liquido di Aleppo 400 gr – Antica Farmacia

Sapone liquido oliva e alloro al 25%

Prodotto in Siria, indicato per tutti i tipi di pelle.
Flacone in PET riciclato, con dispenser.

Sapone di Nablus con olio extravergine di oliva e Manopola in lino – Antica Farmacia

Sapone palestinese, con o. extravergine d’oliva dalla fragranza delicata. Ricco in glicerina e sali minerali; tagliato e stampato a mano e confezionato in sacchetto di lino che, al bisogno, diventa una pratica manopola.

Sapone di Aleppo 55% – Antica Farmacia

Il Sapone di Aleppo 55% è il prodotto più pregiato e ha una produzione limitata. Nella tradizione Siriana l’olio di alloro è considerato un ottimo antisettico e antireumatico.

Sapone di Aleppo al 16% – Antica Farmacia

Il Sapone di Aleppo con olio di alloro al 16% è consigliato per la cura della pelle. Prodotto completamente vegetale non contiene sostanze di origine sintetica o animale.

Aleppini con Manopola in lino – Antica Farmacia

3 “Aleppini” confezionati in sacchetto di lino che, al bisogno, diventa una pratica manopola.

Condividi
email whatsapp facebook twitter telegram versione stampabile

Articolo aggiunto al carrello!

vai alla cassa continua la navigazione